lunedì 16 maggio 2016

Caso Antinori, noi abbiamo un sospetto.

Il prof. Severino Antinori, uno dei pionieri delle tecniche di fecondazione assistita, grazie al suo lavoro molte donne sono divenute felicemente madri

Poco fa ho sentito che il Professor Severino Antinori, un luminare di fama nazionale ed internazionale, sarebbe finito nel mirino della magistratura, anzi sarebbe stato proprio arrestato, perchè, da quel che ho capito, una donna straniera, di passaporto straniero ma di origine araba, presumo del Maghreb, lo avrebbe accusato di aver prelevato un ovulo senza permesso.

Non ho molte informazioni in merito ed è altamente probabile che dirò qualcosa di inesatto, ma se le cose si avvicinano anche un poco a quelle che ho appena riferito, avremmo tutti gli elementi per sospettare un vero e proprio complotto ai danni del Prof. Antinori, e ci sarebbero anche a mio avviso le chiare motivazioni.

Antinori è uno dei più esperti nelle tecniche di fecondazione assistita, a donne anche in non più giovane età.

Ciò vuol dire che grazie al suo operato molte donne italiane (e non solo), sono divenute madri.

Adesso è fin troppo facile far due più due. 

La politica del Reich è che noi italiani ci dobbiamo estinguere, e chiunque come Antinori invece aumenti la prolificità del popolo Italico, è visto come un ostacolo all'obiettivo "zero italiani". 

Inoltre Antinori ha riferito di circostanze assai strane nelle quali questa persona che lo avrebbe denunciato o che sarebbe la vittima del reato imputato al Professore. A noi tutto fa credere che Antinori sia uno sgradito al Reich, e quindi si sia provveduto a creare disturbo al suo lavoro, che è a beneficio della prolificità nazionale. Del resto il Reich uccide o cerca di far estinguere gli Italici in molti modi, anche più brutali e diretti.

Ovviamente, dobbiamo recitare il mantra che va recitato in questi casi "c'è un indagine in corso per cui lasciamo fare alla magistratura" però noi il nostro libero pensiero lo esercitiamo finché il Reich non ci chiuderà la bocca.

Nessun commento:

Posta un commento