venerdì 6 maggio 2016

Referendum costituzionale, le ragioni del no

Ad ottobre, ci sarà il referendum sulle riforme costituzionali volute dal premier Matteo Renzi.
Sul mio blog "The Candelabra of Italy", io ho spiegato le ragioni per cui si deve votare "no" a queste riforme.
Sia chiaro, questa Costituzione va riformata ma queste riforme volute da Renzi non solo sono sbagliate ma sono anche pericolose.
Infatti, va bene abolire il bicameralismo perfetto ma il Senato deve rimanere elettivo, non essendo elettivi il presidente della Repubblica ed il presidente del Consiglio.
Se queste se tra queste riforme ci fosse stato anche il presidenzialismo (con presidente della Repubblica eletto dal popolo) o un premierato (con premier scelto dal popolo, a cui il presidente della Repubblica dà l'incarico dopo le elezioni) nessuno avrebbe avuto da dire, anche con il Senato non più elettivo.
Invece, con queste pseudo-riforme, il Senato non sarà più eletto dal popolo, il presidente della Repubblica resta non elettivo, come resta non elettivo il presidente del Consiglio.
Negli Stati Uniti d'America non c'è il bicameralismo perfetto ma il Senato è elettivo.
Inoltre, la Camera dei deputati sarà eletta con una legge elettorale peggiore anche della legge "Acerbo" di epoca di fascista, una legge che darà la maggioranza ad un partito che prende solo il 20% dei voti.
In pratica, con queste riforme il popolo non conterà nulla.
Visto che si parla tanto di "democrazia", bisogna votare "no".

Nessun commento:

Posta un commento