venerdì 24 giugno 2016

Una delle diecimila idiozie dell'Islam, l'odio verso i cani.



Che l'Islam sia complessivamente un delirio, una degenerazione ancor più delirante se possibile del Donatismo da cui prende origine, che è una variante del cristianesimo, non ce lo dice il fatto che milioni di persone dal suo comparire come disgrazia sulla scena del mondo, col suo fondatore Muhammad nel 600 d.c. sono state massacrate. Non ce lo dice la interminabile sequenza di passi violenti e sanguinari, l'elogio dell'inganno e della sopraffazione contenuti nel loro testo sacro, il corano. Ma ce lo dicono notizie se vogliamo "minori".
Ad esempio per i musulmani il cane è un animale impuro. Esso non va né tenuto in casa, nè nutrito, né curato, anzi se possibile se sei musulmano ed incontri un cane abbattilo.

E così nell'Islam oltre che per i gay, gli infedeli, le adultere, le donne che non sono velate, per coloro che bevono alcool o mangiano carne di maiale, c'è spazio pure per odiare le specie animali.

Ma dove c'è tenebra, a volte spicca il coraggio più che altrove. Ed è notizia del Blog Pianeta Donna, che c'è una donna molto coraggiosa che alla faccia del corano, accudisce i cani.

Onore a questa coraggiosa!

G.C.

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Da profondo amante dei cani non posso che concordare con questa lode, e sperare che questa donna coraggiosa possa continuare a operare -e incolume- nonostante la barbarie che la circonda.
    Ed è ricordare anche la persecuzione che il regime talebano (ispirandosi a criterio islamico consolidato, pare), riservava agli allevatori di piccioni e altri uccelli, perché sarebbe ''antiislamico tenerli in gabbie'- Ma il criterio NON è ''etico'', anzi gli uccelli sequestrati dal regime verrebbero uccisi!
    -Ma questo becero proibizionismo deve ricordarci da vicino gli atteggiamenti , egualmente talebani, di certi animalismi pretestuosi (lo dico da vegetariano ultraventennale), che non hanno certamente a cuore né l'animale, né l'umano : al quale pretendono di negare il vitale Rapporto ravvicinato col resto della Creazione.

    E ci rammenta in particolare, - peggio di tutto e sotto ogni aspetto-, le storture -assai più che talebane!- delle recenti leggiacce-diktat a marchio ''UE'', che parimenti perseguitano l' allevamento (in forma di ''pet'',n.b.) di una sempre più lunga lista di Specie Viventi (dagli scoiattoli a varie tartarughe, ''pericolose e nocive'' creature... con cui però siamo praticamente tutti cresciuti ).

    Specie che sono -ascientificamente, n.b.- ritenute ''nocive/invasive'' e di cui vengono quindi d'autorità imposte sterilizzazione e sterminio, perseguitando come criminale e penalizzando di conseguenza chiunque dia loro ricetto.

    -Il pretesto è che si tratta di specie ''alloctone'' (concetto scientificamente privo di senso), ed è proprio questo forse l'aspetto chiave da ponderare : oggi il ''politically correct'' del Reich e degli pseudo-progressisti suoi servi, ci vuole incondizionatamente proni agli apporti ''alloctoni'' umani, questi sì davvero problematici e talora catastrofici, perché gravati di un dato d'impatto numerico-ponderale in sé materialmente ingestibile (altro!, che quattro scoiattoli, colpevoli di esser ''grigi anziché rossi'' (canadesi) e di rosicchiare qualche fuscello in più...! ) -oltre che di incompatibilità culturali-integrative, tanto spesso fonti di quotidiani problemi a tutti tristemente noti.
    La medesima cricca integralista sfoga però il proprio irrinunciabile Nazismo di fondo nella persecuzione della ''alloctonia'' di ogni altra Specie non-umana, oltre che nella aberrante pretesa di normare il nostro rapporto con Qualcosa che esiste da milioni di anni e che fa parte, come noi, della medesima Creo-evoluzione.

    -Le affinità criptiche tra Nazismo, da un lato, e attuali forze del ''reich'', integralismi (pseudo)religiosi, (pseudo)ambientalismi e (pseudo)progressismi, dall'altro, affinità che questo blog ha il merito di mettere in evidenza, trovano anche in questo una evidentissima -e odiosa- conferma.
    Uno dei primi passi e delle Mète fondamentali nell'auspicabile liberazione da questa tirannia, dovrà proprio consistere nel riappropriarsi della Fruizione Diretta dell' Evo-Creato, in tutte le sue forme, emamcipandolo dai diktat emanati dall'ultima specie comparsa, anzi da frange degenerate della medesima.
    Recuperando così il più fondamentale contatto con la Vita -che è Diversità-, e rimpiazzando con il Colore -anzi, con I colori, ''grigio-scoiattolo-alloctono'' ivi incluso, quel grigiore asfissiante che puzza di Morte e Sterilità, delle scartoffie, delle burocrazie e delle varie ''eurlex'' che ne sono l'immonda ed esecrabile progenie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci hai fornito delle informazioni preziosissime caro amico, come sempre del resto.

      Elimina
  3. grazie Fabrizio! Spero che contribuiscano come frammento alla visione d'insieme, e metter sempre meglio a fuoco 'cosa ci tolgono /r perché', nella prospettiva di riconquistarlo prima o poi

    RispondiElimina