domenica 17 luglio 2016

Meno male che l'attentatore di Nizza con i fanatici islamici non c'entrava nulla

Quante cazzate abbiamo dovuto sopportare in questi giorni dopo l'attentato del 14 Juillet su Mohamed Bouhlel, il verme che camminava su due gambe che alla guida di un tir a oltre 120 km/h sulla Promenade des Anglais ha mietuto quasi 100 vittime, (nessuna delle quali ribadiamo, stranamente, islamica).

"E' un tipo solitario, depresso, soffre molto per la separazione dalla moglie."

"Non è religioso."

Se i social media servono ad una cosa, servono a smentire in modo a volte eclatante e facile le cazzate, anche se queste grandissime cazzate vengono sparate da autorità che dovrebbero avere una certa credibilità.

Guardate questa foto. Sappiamo che Bouhlel aveva tre figli, eccoli, in posa da piccoli kamikaze, uno di loro indossa persino la kefiah, il simbolo arabo dell'odio antisemita.

Ci chiediamo perché abbiano cercato di depistarci? Ovvio, il regime deve disinformare sull'Islam. L'Islam è complice del regime, esso è uno degli strumenti attraverso il quale sia internamente che esternamente, USA, Reich, Vaticano, Progressisti collaborazionisti intendono fare il lavoro sporco sulla gente per bene. L'Islam a loro piace, e serve. Non è paura, se volessero potrebbero sterminare tutti i criminali islamici in una sola notte.
Ecco il profilo Facebook di Mohammed Bouhlel. Con foto di copertina molto esplicita, le sue tre figlie con il segno della lotta, armate di pistola, spada e coltello. Questo era un musulmano tranquillo? Figuriamoci gli altri. 

AVE

C.L.

1 commento:

  1. Ci stanno raccontando un sacco di menzogne: l'islamico omicida era figlio e nipote di jihadisti, quindi la jihad gli era stata inculcata col latte materno: non era un cretino qualunque depresso, era un ingegnere (sentito a TGcom24 da Liguori e Sechi), aveva disponibilità di denaro (chi lo riforniva visto che non risulta stesse lavorando?) tanto che prima della corsa assassina, sicuro che sarebbe stato ucciso, aveva mandato alla famiglia 100mila euro come fanno tutti i "martiri" e si era preparato con la crescita della barba e, probabilmente, con la depilazione delle parti intime. Aveva anche un altro deposito di 24 mila euro e chissà se non aveva anche altro. Era divorziato dalla moglie da anni? e perchè hanno 3 figli e l'ultimo di soli pochi mesi, sicuramente figlio suo?
    Quindi era un terrorista in piena regola con molte aderenze in Francia ma pure altrove e sicuramente in Italia a Ventimiglia
    Ma il lavaggio del cervello in TV continua: spero che tutti loro debbano venire in contatto con questi episodi e poi ne riparliamo!

    RispondiElimina