venerdì 16 settembre 2016

Non sarà un IT-EXIT ma votare NO al referendum agevolerà i nostri piani

Il 26 Settembre il governo fantoccio della Repubblica Socialista Italiana, o Regime Sovietico Italico, stato vassallo di Berlino e del Reich, con capitale Roma, e presieduto dal collaborazionista Renzi, stabilirà la data del referendum costituzionale, sulle ingenti modifiche alla già di per se deprimente raccolta di leggi detta Costituzione che stabilisce al di là di ogni dubbio la totale dipendenza di questo stato dal Reich, e ne descrive la natura servile, succube, imbelle, ed inutile.
Ma si sa, i predatori non sono mai sazi, e quindi questo diktat alla gente italica, è stato se possibile peggiorato, ed il Reich che vuole ipocritamente persino passare per struttura democratica, pretende che si faccia finta che le modifiche avvengano con il placet del popolo.
Si sa, è un mero proforma, in linea di principio tutto è stato preparato per il SI, propaganda, disinformacija, brogli elettorali, minacce alla popolazione più o meno velate, ed un esercito di spie e disinformatori sono a caccia di prede da convincere ad ogni costo.
Ora, è vero che noi non siamo gli inglesi, che hanno avuto gli attributi per liberarsi democraticamente dal Reich, e vanno a gonfie vele nonostante la propaganda cerchi di far credere il contrario, ed è anche vero che comunque non è un IT-EXIT anche perché il nostro regime lo vieta espressamente, ed è infine vero che personalmente non credo neanche un poco nella democrazia, men che meno quando è di facciata come in Italia, ma tentare non nuoce.
Io preferisco che la liberazione del popolo italico passi attraverso la lotta, per il ripristino della Romanitas, perché è l'unico vero mezzo efficace, ed è  l'unico di cui disponiamo, perché il voto è una sceneggiata, ma comunque servirebbe a far capire anche a stati ostili al Reich che vogliamo liberarci.
E chissà qualcuno disposto da fuori a darci una mano potremmo trovarlo.
Per cui, votate NO.
Ma non perché serva a chissà quale liberazione, la nostra libertà non passerà attraverso il voto. Ma servirà da innesco per l'incendio della Repubblica Socialista, e magari alla sua fine.
AVE
G.C.

1 commento:

  1. Sicuramente voterò NO e spero che la maggioranza degli italiani voti NO ad una riforma costituzionale che ridurrebbe questa carta costituzionale ad una emerita pagliacciata che porta diritto alla dittatura del PD unitamente alla legge elettorale Italicum che difficilmente il pinocchio di Rignano cambierà

    RispondiElimina