sabato 17 dicembre 2016

Mediaset sta prendendo una gran brutta piega

Guardate questo video.

L' autore si chiama Damiano detto "Er Faina", e si è fatto conoscere ed apprezzare dalla rete. Er Faina è un ragazzo romano, un uomo del popolo, che come dice lui stesso fa "er monnezzaro", ossia il netturbino a Roma, ha quindi una umile estrazione, un proletario, una di quelle persone che a livello puramente teorico la politica progressista, i cosiddetti comunisti, dovrebbero avere profondamente a cuore.

Damiano è pane al pane, vino al vino. Usa il linguaggio del popolo per arrivare al popolo. Damiano, e non vorrei usare il termine in modo che può sembrare offensivo, è UN VERO POLITICO.

Ma nel senso antico e nobile del termine. Un politico come i Tribuni della Plebe di Roma, come i Gracchi. Uno che esprime chiaramente la voce della gente, la nostra rabbia, la nostra sofferenza, quello che siamo, che rappresentiamo, che vogliamo.

Damiano è il miglior esempio di quel popolo che se insorge farà di nuovo grande questa terra.

Damiano è stato preso di mira, pensate un po', da Striscia La Notizia (guardacaso ancora una "perla di saggezza" mediaset), dove da tempo vediamo con sconcerto una donna musulmana fare proselitismo sfacciato. Ci vorrebbe far credere, e sappiamo che non è affatto così, che l'islam è buono, bello e piace.
La signora dovrebbe sapere che l'islam ovunque è in caduta libera. Il solo posto dove l'islam cresce è tra gli psicopatici e gli stupratori delle carceri USA. Per ovvi motivi, dal momento che giustifica ampiamente lo stupro, le parafilie e perversioni più varie.

Damiano commentò il video di una convertita italiana, una fanatica musulmana che si era ribattezzata secondo rito musulmano "Fatima".

Questa persona diceva che "il velo è necessario perché se sei in minigonna e tacchi sei un invito allo stupro".

Ora, se la frase in questione la avesse formulata un prete anzianotto bacchettone quelli di Striscia da apostoli dell"emancipazione sarebbero andati a sfotterlo e magari a dargli un tapiro. Se invece lo dice una "amichetta" come dice Damiano della collaboratrice di Striscia, tanto impegnata a salvare la faccia all'islam, allora tutto censurato. Taglia e cuci ad arte, e Damiano messo alla gogna mediatica.

Ma Damiano ha mostrato tutto il video e tutta la vergogna di questa gente.

E visto che anche io sono stato "vittima" di mediaset, di quel modo di fare TV voglio dirvi una cosa. Ho visto un dietro le quinte di un becero inimmaginabile. A chi fa TV in quel modo non interessa trasmettere la verità caro Damiano. A loro serve solo un riempitivo tra uno spot pagato milioni di euro e l'altro.
A loro non interessa che la musulmana sia stata da te giustamente criticata. A loro serve costruire un caso, un ragazzo del popolo che si spacca la schiena che deve essere fatto passare per cattivo  mentre la collaboratrice musulmana al caldo dello Studio TV dall'alto del suo contratto a quattro o cinque zeri si permette di giudicare e di voler passare per buona.

Ma che andassero avanti così, non faranno che incattivire sempre più la povera gente per bene.

Nessun commento:

Posta un commento