mercoledì 11 gennaio 2017

Due Altoatesini oltraggiano la bandiera tailandese e vengono presi

Avrete letto della figura vergognosa di due "connazionali", lo metto virgolettato per in motivo che poi capirete.

In breve. Due ragazzotti ubriachi e tanto ricchi e coatti da organizzare qualcosa che ha tutta l'aria di un becero viaggio per turismo sessuale, chissà,  cosa pensano di fare? Strappare bandiere Thailandesi. Un abitante del luogo filma tutto. La polizia li identifica e oltre a multarli (troppo poco) li costringe ad un video di scuse.

Nelle scuse cosa dicono gli imbecilli? "Non pensavamo che fosse tanto grave, da noi in Italia si può fare".

Temo che a molti sia sfuggito un particolare odioso di sti due.

Sono membri della comunità tedesca dell'Alto Adige. O come esigono i signori che venga chiamato, il Sud Tirolo.

Questi non sono semplicemente imbecilli. Sapevano bene cosa facevano perché quasi certamente il contesto di tedeschi in cui vivono considera cosa buona e giusta bruciare la bandiera nazionale italica o strapparla o vilipenderla.

Sappiamo bene che la nazione versa un pizzo ingente a sti signori germanici per tenerli quieti. Ci eravamo già occupati di loro. Parlano solo tedesco, fanno concorsi per la minoranza tedesca a quasi totale beneficio di tedeschi. Vivono in una nazione a parte dove gli italiani nonostante siano gli  effettivi legittimi proprietari della nazione si sentono ospiti a casa loro.

È lecito pensare che in un simile contesto lo "sputo alla bandiera italiana" sia considerato uno sport locale.

Meno male che sono passati per il pugno di ferro delle autorità tailandesi. Torneranno con una bella lezione, oltre che con qualche malattia venerea.

2 commenti:

  1. non sono Italiani, si facessero aiutare dai Tedeschi

    // "Non pensavamo che fosse tanto grave, da noi in Italia si può fare". //
    Per questo li vedrei bene in carcere in Italia, se mai pensassero davvero di tornarci.
    Sono solo due m.

    RispondiElimina
  2. Due idioti filo germanici che con molto piacere personale sono stati sanzionati e spero godano a lungo della ospitalità nelle carceri locali: finalmente avranno la lezioine che nè gli insegnanti nè i genitori hanno loro mai dato
    Se poi questo sud Tirolo se ne andasse in Austria definitivamente ne guadagneremmo tutti visto che la loro autonomia ci costa veramente troppo

    RispondiElimina