domenica 2 aprile 2017

I lettori ci scrivono: La drammatica vicenda di Antonio Attianese

C'è una cosa che odio sopra tutte.

Non avere tempo.

Non averne, e non poter leggere le decine di contatti che abbiamo da persone che reclamano la Giustizia, reclamano a gran voce Rispetto, perchè sono migliori di molte altre, e finiscono con subire cose che nemmeno il peggior individuo dovrebbe umanamente subire.

E mi fa veramente una immensa rabbia avere purtroppo tardato oltre un mese per poterci dedicare a tutta potenza ad Antonio Attianese.

E lo faccio nei ritagli domenicali, perchè durante il resto della settimana siamo impegnati a non morire di stenti, a sopravvivere per poter pagare il pizzo a questo regime.

Ecco Antonio è un Servitore dello Stato, come si dice di solito in modo automatico. Con una terminologia che fa parte di una certa retorica.

Antonio non è un "servitore dello stato", Antonio è molto di più. E' un Soldato.

Ora, siccome questo paese è al 90% fatto di quaqquaraqquà, e solo un 10% a voler essere ottimisti, è costituito da gente con la spina dorsale, ho scorso, letto troppo rapidamente, troppo in fretta rispetto a come merita, questa vicenda.

Potrei aver letto male, capito male, ma temo di aver letto bene.

Antonio è uno che si è preso una malattia "professionale".

Ed è un eufemismo, ma se leggete il blog in cui si tratta della sua vicenda avrete i ragguagli necessari.

Noi non  lasciamo mai nessun articolo senza un degno commento, figuratevi se ci esimiamo dal commentare la sua storia.

Quelli come Antonio in un mondo giusto, comandano, hanno uomini sotto di loro, a cui danno ordini giusti, ed ottengono risultati, non solo da militari, ma come esseri umani.

Potrebbe essere un cittadino al comando di uno staff operativo di successo.

Ed invece, guardate le foto.

Lui sta così.

Altri invece ingrassano e gozzovigliano.

Questo è l'articolo integrale.

Ringraziamo Antonio per averci fatto conoscere la sua storia, e faremo di tutto per tenere l'attenzione dei lettori su questa vicenda.

Nel frattempo ti Auguriamo tutto il bene possibile. Combatti da Soldato come sai fare e vincerai anche queste battaglie.

Nessun commento:

Posta un commento