giovedì 28 giugno 2018

Davvero un momento magnifico



Abbiamo un governo vero che si fa rispettare in Europa. 

Stiamo ponendo fine alla tratta degli schiavi delle ONG fiancheggiate dalle nostre organizzazioni di sinistra, la sinistra spazzata via alle elezioni, et DVLCIS IN FVNDO ieri la nazionale di calcio tedesca è stata scaraventata fuori dal Mondiale di Russia. Da etruschi ne traiamo auspici..


I nostri padri traevano deduzioni incredibilmente esatte dal luogo di caduta di un fulmine. Erano i Àuguri Fulgurali. E allora quali auspicio trarre da come stanno andando le cose in Europa da qualche mese ad oggi? Persino col calcio, giocato e mollato da quelli che furono i nostri sicari nel 2002, la Corea del Sud, ai danni della autoproclamata razza superiore germanica.
Si iersera i tedeschi sono stati cacciati dal mondiale. Giorni fa Conte ha mostrato la nuova linea del nostro governo alla UE di un viscido ed ipocrita Macron e della fuehrera coi baffetti, oltre alla presenza nel fronte immigrazionista degli spagnoli. Questi ultimi però si sono fatti i loro calcoli, e hanno paura che il flusso cambi direzione passando per il marocco dove loro nelle enclaves africane di Ceuta e Melilla li respingono col filo spinato elettrificato e con i fucili della Guardia Civil.  

Assieme a Conte, a ribadire il no alla immigrazione, un fronte compatto di nazioni della zona orientale, Austria (che sembra tornata quella dei bei tempi di Dolfuss, forse il buon sangue Retico alla fine non mente), ed il cosiddetto 'gruppo di Visegrad', con Ungheria del coraggioso Orban, Cechia, Slovacchia e Polonia si oppongono alla 'linea Soros' della tratta degli schiavi neri dai loro paesi d'origine fino alle loro misere destinazioni in tende o capanne abusive sotto i cavalcavia di Italia ed altri paesi europei. 

Su questo vale la pena soffermarci.

Tratta a carissimo prezzo peraltro. Seimila o più dollari per un migrante africano sono qualcosa come milioni di euro per un europeo. Vuol dire non solo una vita di sacrifici per pagare il viaggio ma anche il patrimonio di tutta la famiglia, fratelli, zii, e di una intera tribù. Oppure si 'iniettano' come molto spesso accade, infiltrati di organizzazioni terroristiche islamiche, ed allora in quel caso i viaggiatori diventano 'di prima classe'.
Questa tratta era vantaggiosa per le onlus e Ong che venivano foraggiate per alimentarla. Pensate che un migrante valeva (spero non valga più) ben 35 euro/giorno/persona. Una certa propaganda di pseudo destra voleva far credere che fossero tutti intascati dal migrante. Le cose poi si è capito che stanno diversamente. Su 35 euro al migrante ne vanno 3,5; il 10% insomma. 
Pensate alle cooperative che si facevano belle facendosi "carico" di costoro. Dieci migranti appena, ma ne avevano centinaia, fanno 350 al giorno, 10500 euro al mese. Diciamo 8000 euro puliti puliti. Una paga che noi poveri comuni mortali ci sognamo. Roba da funzionari pubblici di alto livello. 

Un pugno di riso, due frutti marci e il migrante è servito. La tratta è stata alla luce del sole. Li vedevi sfacciati i 'cooperanti' che te lo dicevano: "È una pacchia".

La pacchia era per loro. Era per i governanti di regime, che erano ben lieti di alimentarla a suon di Rolex sauditi ed altri benefit più o meno occulti. 

E giù di propaganda. Tutta la cloaca dei radical chic, dai ricchi di sinistra (e pure diversi di destra) ai vip più o meno falliti professionalmente che cercavano di rialzare la crestina con le loro pagliacciate 'pro migranti' che vanno corrette in 'pro tratta degli schiavi'.

A completare il lavoro, abbiamo avuto modo di smascherare alcuni gruppi, diversi attivi sui social, di "kapò", di manovalanza africana. Tra una maledizione a Salvini, un insulto al Sen. Toni Iwobi, di origine nigeriana, Vice Presidente della Commissione Esteri, in quota Lega, accusato di 'tradimento' e paragonato al nero schiavista di Django, alle penose marchette a Balotelli, il calciatore rissoso e mezzo teppista, cacciato da tutte le squadre della cristianità, che visto il suo inarrestabile declino ha avuto il suggerimento di riciclarsi come difensore della tratta degli schiavi.

Tra questi gruppi si denotano dei profili di individui di origine africana che hanno l'input di alimentare le false speranze dei loro connazionali nelle terre di origine. Prendono soldi per invogliarli a farli partire.
"Venite! Venite pure fratelli! Qua state bene! Vi pagano e vi danno da mangiare senza lavorare". Questo il loro canto delle Sirene. E purtroppo tanti abboccano.

Se parli con le persone che sono cadute nella trappola è un unisono. Tutti dicono la stessa cosa.
"Avevo sentito una persona di mia conoscenza che già viveva qui, mi ha fatto credere che qui sarei stato molto meglio, mi ha detto "che ci fai giù a mangiare un pugno di riso al giorno? Vieni in Europa che qui siamo tutti ricchi".

Queste sono le frasi di adescamento.

Tutti poi dicono: 'i miei stessi fratelli d'accordo con i bianchi sfruttatori mi hanno ingannato. Se mi avessero detto la verità io non sarei mai partito. Adesso sono arrabbiato e vorrei tornare giù. Ma sono rovinato. La mia famiglia ha speso tutto per farmi partire e giù ora veramente morirei di fame. 

Si dissanguano sti poveracci, bruciano i loro ponti, per andare nel 'paradiso europeo' prospettato dagli ingannatori. Una tratta più ignobile della tratta degli schiavi dei sec. XVII - XIX dove li almeno gli schiavi venivano presi con la forza. Qui invece ci vengono di loro sponte dando pure l'anima per arrivare qui e finire nel migliore dei casi a raccogliere i pomodori a un'euro l'ora per la gioia di quelli come Alessandro Gassman.

Quindi, rispetto in Europa, e fine della pacchia migratoria per i negrieri. Che altro vuoi di più dalla vita? La Germania fuori ai Mondiali? Eh già.

Un giornalista tempo fa disse che la nostra esclusione dai mondiali negli anni 50 coincise con l'inizio del boom economico.

Ora noi non ci siamo ai mondiali. Di nuovo.

Si respira un'aria nuova e di speranza. Il popolo per la prima volta accoglie con simpatia i propri governanti ovunque vadano. La politica di Salvini è approvata da oltre l'80% degli italiani. Percentuali bulgare, impensabili fino ad un anno fa. Ma il bello è che persino il 50% di quei tre o quattro elettori residui del PD e il 20% degli estremisti della Boldrini sono d'accordo con lui. 

Dobbiamo essere sicuri che il processo evolva, che sia irreversibile. Cancellata ogni traccia del vecchio pensiero ideologizzato di sinistra vendutosi alle lobby della finanza, delle ong, dei petrolieri il mondo e l'Italia saranno finalmente posti migliori. 


Nessun commento:

Posta un commento